Agnello in salsa di capperi per Carvahlo

Manuel_Vazquez_Montalban_02
Manuel Vazquez Montalban

“Il cappero è uno dei frutti più umili della terra e in conserva raggiunge uno dei sapori più definiti. Non c’è nulla come il sapore del cappero. Soltanto i capperi.”

Il libro

La Bella di Buenos Aires, di Manuel Vazquez Montalban, Feltrinelli (traduzione di Hado Lyiria)

La trama

Dopo quasi dieci anni dalla morte di Manuel Vázquez Montalbán, esce in Italia  La bella di Buenos Aires (La muchacha que pudo ser Emmanuelle), romanzo inedito della serie di Pepe Carvalho. Il romanzo può essere considerato quasi un prologo del successivo Il quintetto di Buenos Aires, uscito in Spagna nello stesso anno, il 1997. 

Per gli affezionati lettori di Pepe Carvalho, ex militante comunista, ex agente della Cia, gastronomo raffinato e intellettuale deluso, il romanzo postumo è un regalo inaspettato che alimenta una storia d’amore lunga più di vent’anni: quella dei lettori con Pepe e la sua cricca (Biscuter, il giudice Garzon, la fidanzata Charo, l’ispettore-semiologo Lifante  e la Barcellona crepuscolare del Barrio Chino).

Una bellissima promettente attrice di Buenos Aires, che sarebbe potuta diventare l’Emmanuelle argentina, fugge in Spagna inseguita dai militari. Anni dopo, viene ritrovato a Barcellona il cadavere di una barbona brutalmente assassinata.

Le indagini, condotte da Carvalho e da Biscuter, divenuto inaspettatamente suo socio, rivelano un intreccio di segreti e un nucleo di alleanze segrete tra diversi Stati tendenti a coprire i turpi misfatti perpetrati da oscuri personaggi della dittatura argentina.

Le atmosfere dell’America latina, la sensualità del tango, la tragicità della dittatura argentina fanno da sfondo ad un romanzo gradevolissimo, dal finale inaspettato ma non sorprendente

La ricetta: agnello in salsa di capperi

agnello in salsa di capperi

 Ingredienti:

  • una coscia d’agnello (va bene anche la zampa anteriore)

  • grasso d’oca (oppure olio d’oliva aromatizzato con una punta di grasso d’oca)

  • scalogno

  • vino bianco

  • capperi

  • aglio, prezzemolo, sale, pepe nero, farina

Preparazione:

Soffriggere brevemente lo scalogno nel grasso d’oca (o nell’olio). Togliere lo scalogno e rosolare la carne nell’olio aromatizzato, aggiungendo aglio, prezzemolo, lo scalogno soffritto e una spolverata di farina. Aggiustare di sale e pepe e aggiungere il vino bianco a piacere (“l’importante è non ubriacare il manicaretto”).

Cuocere a fuoco medio da mezz’ora a un’ora ( a seconda della consistenza della carne).

A parte preparare un purè di acetoselle e spinaci a cui aggiungere il sugo di cottura della carne e tre o quattro cucchiaiate di capperi.

La salsa di capperi va servita a parte.